venerdì 24 luglio 2020

Lettera contro l'omotransfobia

L'omofobia non esiste più. Gli omosessuali sono ovunque e non danno fastidio a nessuno. Ho tanti amici omosessuali. Non sono contro i gay, ma teniamoli lontani dai bambini, dalle scuole, dalla vita pubblica. Non sono omofob* ma.

Frasi che tutti abbiamo sentito almeno una decina di volte nella nostra vita. Specialmente chi di noi è parte della Comunità LGBTQIA+ (Lesbiche, Gay, Bisessuali, Transgender, Queer, Intersex, Asessuali). Eppure l'omofobia e la transfobia permeano la nostra società. Le aggressioni a sfondo omofobo e/o trasfobico avvengono ancora oggi, nel 2020. Le molestie e le discriminazioni che le persone della Comunità LGBTQIA+ subiscono sono troppo spesso giustificate come atti singoli, con annessa la nozione che “l'omofobia non esiste più.”

L’ultimo caso è quello avvenuto qualche giorno fa, in cui un'avvocatessa di Mantova ha dichiarato, tramite social media e in una chat privata, resa poi pubblica in forma anonima, che, parafrasando, l'omosessualità è un disturbo psichiatrico e che gli omosessuali non devono ricoprire cariche che li portino ad essere a contatto con i giovani.

Questo genere di affermazione non è nuova a coloro che prestano attenzione da anni alle discriminazioni che i membri della Comunità subiscono. O alle stesse vittime di questa mentalità.

Il retaggio culturale che porta le persone omotransfobiche ad associare l’omosessualità alla pedofilia è antico e ancora forte, sebbene sia stato più volte sfatato. Oggi le parole usate sono diverse, e così anche le accuse mosse alle persone della Comunità, ma il sentimento di fondo rimane: le persone LGBTQIA+ sono “accettabili" solo se si nascondono, se non dichiarano o mostrano pubblicamente la loro identità o il loro orientamento affettivo. E soprattutto, se non lavorano a contatto con i bambini, che corrono il rischio di essere “traviati” e di essere indirizzati verso un'identità diversa da quella cisgender ed eterosessuale.

Sono quasi 25 anni che l'Italia aspetta una legge che protegga le persone della comunità LGBTQIA+ da molestie, aggressioni e discriminazioni in tutti gli ambiti delle loro vite.


martedì 31 marzo 2020

Carta di Roma in arabo, inglese e francese


Da oggi la sintesi delle linee guida della Carta di Roma è disponibile online in arabo, inglese e francese: uno strumento per conoscere e raccontare le migrazioni in modo accurato e completo. Una sintesi dei quattro principi e del glossario relativo a migranti, rifugiati e richiedenti asilo nella convinzione che seguire fino in fondo queste quattro regole così semplici contribuirà a promuovere buone pratiche giornalistiche nel racconto delle migrazioni.

I principi della Carta di Roma suggeriscono accorgimenti e piccole regole condivise che nessuno si sognerebbe di contestare o di violare quando si scrive di politica, quando si scrive di minori, quando si scrive di mafia: la verifica dei fatti, la consultazione di esperti, l‘utilizzo di termini corretti e giuridicamente appropriati. Sono le regole base del mestiere di giornalista, valgono sempre e in ogni caso. Applicate al racconto delle migrazioni o delle persone appartenenti a minoranze linguistiche hanno il valore aggiunto di fornire gli strumenti per costruire un argine collettivo al dilagare dell'odio, nelle parole e nei fatti.

Solo qualche settimana fa, nell’ambito delle migrazioni, l’Associazione Carta di Roma e l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (OIM Italia), hanno stretto una collaborazione con giornalisti e professionisti della comunicazione di alcuni dei paesi africani coinvolti con i flussi migratori verso l’Italia. Giornalisti dalla Costa d’Avorio, dalla Nigeria, dal Senegal e dalla Tunisia, hanno incontrato colleghi italiani per condividere esperienze, informazioni e suggestioni. E soprattutto condividere idee e spunti per comprendere i paesi, i contesti e i cambiamenti dei flussi migratori.

Convinti che il rispetto di questi principi produce un lento crollo dei pregiudizi, delle generalizzazioni e delle discriminazione sulla base dell’appartenenza nazionale, religiosa o di genere.

Per la sintesi delle linee guida clicca qui

lunedì 3 febbraio 2020

Bonus bebè alla Corte Costituzionale

Tribunale di MantovaIl Tribunale di Mantova, negli ultimi mesi, ha sospeso i giudizi per il riconoscimento del bonus bebè alle cittadine e ai cittadini appartenenti a Paesi terzi titolari di permesso unico lavoro promossi da Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni. Ma i ricorsi vengono depositati.

Scrive l'avvocato Alberto Guariso del servizio antidiscriminazione ASGI: Con una serie di ordinanze depositate tutte il 17.6.19 la Corte di Cassazione, sezione lavoro, ha sollevato questione di costituzionalità dell’art. 1, comma 125 L. 190/14 (bonus bebè) e dell’art. 74 d.lgs. 151/01 (indennità di maternità di base) nella parte in cui prevedono le rispettive prestazioni per i soli stranieri titolari di permesso di soggiorno di lungo periodo, anziché di permesso di soggiorno di almeno un anno ai sensi dell’art. 41 TU immigrazione.

giovedì 20 giugno 2019

Mantova, nel 2018 aumentano le discriminazioni


Nel 2018, con il supporto del Comune di Mantova, sono state trattate centoventisette (127) segnalazioni di cui centonove (109) sono risultate pertinenti. I casi trattati che hanno visto coinvolte persone appartenenti a Paesi terzi sono stati settantuno (65%): trentacinque (35) per discriminazioni nell'accesso alle prestazioni di sicurezza sociale quali l'assegno di maternità, premio alla nascita e bonus bebè; trenta (30) casi di hate speech emersi nei social network Twitter e Facebook, di cui ventitré (23) hanno colpito persone di Paesi terzi appartenenti alla minoranza rom; sei (6) di molestia.

Anche nel 2018 le donne sono il gruppo più colpito da discriminazioni nel territorio mantovano. Il dato è allarmante e conferma la sistematicità delle violazioni dei diritti nei confronti del genere femminile: le più esposte a discriminazioni sono le neo mamme appartenenti a Paesi terzi.

Preoccupano le continue segnalazioni, confermate nelle istruttorie, rispetto a operatrici e operatori dei Comuni che negano il diritto alle neo mamme appartenenti a Paesi terzi di presentare domanda scritta per l'accesso alla prestazione dell'assegno di maternità. Tale comportamento preclude la possibilità alle stesse neo mamme di presentare ricorso in caso del diniego all'accesso alla prestazione di sicurezza sociale.

lunedì 15 aprile 2019

Words4link, scritture migranti per l’integrazione


Il progetto “Words4link – scritture migranti per l’integrazione” è finalizzato alla valorizzazione delle autrici e degli autori di origine immigrata e alla promozione delle loro opere e del loro contributo di analisi.

Qui trovate la pagina FB dedicata, mentre a breve sarà a disposizione anche il sito web, completo di una piattaforma in cui presentare ai media e a un pubblico il più ampio possibile le scrittrici, gli scrittori, le giornaliste e i giornalisti partecipanti al progetto e le loro opere, nonché tutti quegli enti che – a vario titolo – lavorano per la loro promozione.

Si stanno raccogliendo le informazioni necessarie a partire da schede di base che sono state appositamente predisposte e che è possibile compilare on-line. Oltre alla scheda strutture, è ora on-line anche la scheda autrici e autori di narrativa, di poesia, di saggistica o di testi giornalistici. Le autrici e gli autori devono avere all’attivo almeno una pubblicazione in lingua italiana negli ultimi 10 anni, anche on-line.

Vi chiediamo di diffondere entrambi i link per intercettare più scrittori, scrittrici e strutture possibili. Il progetto non è interessato a intercettare soltanto autrici e autori più o meno noti e affermati, ma anche (e soprattutto) giovani emergenti. Se avete un suggerimento, scrivete qui!

mercoledì 20 febbraio 2019

Mantova, la frittella solidale cancella l'iniziativa razzista


L’iniziativa «frittelle gratis, ma solo per i bambini italiani» non è nuova a Mantova. Il consigliere comunale De Marchi l'aveva già promossa durante la fiera di Sant'Anselmo nei passati anni. Ma non era mai successo che assistessimo ad una sollevazione unanime di condanna a quella che è evidentemente un'iniziativa razzista. Anche sul suo profilo Facebook il post, oggi cancellato, che annunciava l'iniziativa ha registrato più di seicento messaggi di sdegno e un solo messaggio di approvazione. Lo stesso consigliere è rimasto attonito da tanto clamore e dai duri attacchi ricevuti da più parti al suo intendimento e devo dire che anch'io sono rimasto sorpreso, ma ho così potuto desistere dal presentare un esposto alla Magistratura.

Ero sorpreso perché le iniziative di questo segno promosse dal consigliere De Marchi negli ultimi quattordici anni sono state diverse e poche persone a Mantova le avevano condannate. La domanda spontanea che mi sono posto è: cosa è cambiato oggi? Penso che il cambiamento sia stato dato da un fattore più locale e da un fattore più generale che sta attraversando il Paese.

lunedì 24 settembre 2018

Razza umana, tutti sulla stessa barca


In occasione dell’Ottantesimo anniversario della promulgazione delle leggi razziali in Italia e in risposta al clima d’odio che negli ultimi mesi si è acutizzato e che sta generando molteplici atti discriminatori e intolleranza nei confronti delle persone più deboli, alcune associazioni hanno deciso di organizzare insieme una serie di iniziative aperte alla cittadinanza.

Le principali associazioni ed enti organizzatori sono: ANPI di Castiglione delle Stiviere, ANPI di Lonato del Garda, ANPI di Desenzano del Garda, Cactus, Liberacion, Arcidallò, Movimento non violento, Associazione Senza Confini, Sucar Drom, Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni e il Comune di Medole.

Gli incontri verteranno su temi di carattere storico, come le leggi e il manifesto sulla razza del 1938 o l’ispettorato della razza con sede a Desenzano del Garda durante la RSI, e temi di attualità come le discriminazioni di cui sono vittima le minoranze, spesso anche da parte delle istituzioni. All’interno di questi incontri ci saranno relazioni, presentazioni di libri, musica e teatro. 

Ecco il programma




sabato 21 luglio 2018

Mantova, partecipa agli erranti


Creative Lab invita a partecipare e a diffondere il progetto GLI ERRANTI curato dalla Compagnia Ambasciatore Mamma Mia e sostenuto dal Comune di Mantova. Sono aperte le iscrizioni per partecipare al laboratorio di Teatro Fisico che si terrà dal 27 Agosto al 2 Settembre 2018 (con un restituzione finale) e che sarà diretto da Samuel Hili in collaborazione con l'artista, regista e workshop leader Elisa Giovannetti, che propone a tutta la cittadinanza una residenza artistica di una settimana a Mantova.

Il progetto ERRANTI prende spunto dall'esperienza di vita dell'artista e chimico Samuel Hili che si è trasferito dalla Costa D'Avorio a Mantova nel 2008. In seguito al suo percorso personale, professionale e artistico ha deciso di riportare in Africa molte delle competenze acquisite a Mantova sia teatrali che professionali, creando così un gemellaggio ideale fra le sue due patrie.

In stretta collaborazione con Ars. Creazione e Spettacolo e Teatro Magro, Samuel porta avanti per il secondo anno consecutivo, un percorso di connessione artistica tra Africa e Italia che vede il teatro come strumento di connessione per una crescita culturale che abbia una ricaduta su quella socio-economica.

mercoledì 13 giugno 2018

Mantova Pride 2018

Il 16 giugno a Mantova per la prima volta si terrà la parata del Gay Pride. La partenza sarà alle 15.00 da Piazza Sordello e si attraverserà tutto il centro storico per arrivare fino a Piazzale Montelungo (Palazzo Te), dove alle 19.00 inizierà la festa di chiusura. 

Il Gay Pride, come sfilata nasce in seguito ai moti di Stonewall, alla fine degli anni sessanta, negli Stati Uniti d'America, quando Sylvia Riviera lanciò la famosa bottiglia contro un poliziotto che stava facendo una retata allo Stonewall Inn, bar frequentato nella maggior parte da persone LGBTQI+. Da quell'evento nasce il movimento di liberazione omosessuale, che si evolve attraverso la storia e le diverse necessità della comunità LGBTQIA+, fino ad arrivare al Pride come lo conosciamo oggi.

mercoledì 28 marzo 2018

Vittoria per le neo-mamme


La Corte d’Appello di Milano ha respinto l’appello dell’INPS contro l’ordinanza del Tribunale di Milano che aveva ordinato all’Istituto di riconoscere il premio nascita a tutte le neo-mamme straniere regolarmente soggiornanti.

La Corte d’Appello di Milano, in data 23 marzo 2018, come riportato il 27 marzo sulla Gazzetta di Mantova, ha ribadito in pieno la condanna all’INPS per la condotta discriminatoria dimostrata nel negare la prestazione sociale del premio nascita alle neo-mamme con Permesso Unico Lavoro e a quelle con titolo di protezione umanitaria.

mercoledì 21 marzo 2018

Mantova discrimina?

Le discriminazioni, le molestie, i discorsi d’odio e i crimini d’odio hanno colpito o colpiranno ognuna ed ognuno di noi, generando un senso di insicurezza e mettendo a rischio la convivenza civile. Molte persone non hanno la percezione di subire una discriminazione, ad esempio per età, per genere o per convinzioni personali, perché manca la consapevolezza dei propri diritti.

Le donne sono il gruppo più colpito da discriminazioni a Mantova. Il dato è allarmante e conferma la sistematicità delle violazioni dei diritti nei confronti del genere femminile: le più esposte a discriminazioni sono le neo mamme. Confortano le diverse Ordinanze di cessazione della discriminazione disposte dal Tribunale di Mantova contro l’INPS.

sabato 10 marzo 2018

Mantova, SUB.ITA: sono o non sono razzista?


Nella XIV Settimana di azione contro il razzismo 2018 il Comune di Mantova in collaborazione con Arci Mantova, Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni, il Cinema delCarbone, Teatro Magro e Progetto Sprar Enea presentano SUB.ITA - sono o non sono razzista? Un progetto che promuove azioni positive volte a favorire il contrasto a situazioni di discriminazione etnico/razziale attraverso la connessione tra l'anti-discriminazione e la cultura.

Grazie alla vincente sinergia dei soggetti che operano nel territorio è stato possibile sviluppare un palinsesto di diverse iniziative rivolte a tutta la cittadinanza e agli Istituti Scolastici di Secondo Grado.

Cinema, teatro, informazioni e approfondimenti per promuovere la cultura dell'antirazzismo, creare occasioni di dialogo interculturale, favorire il superamento degli stereotipi e conoscere gli strumenti per combattere le discriminazioni e le molestie.